Home Cura del corpo e Moda Come scegliere un lubrificante intimo

Come scegliere un lubrificante intimo

27 Giugno 2019
Come scegliere un lubrificante intimo

I lubrificanti intimi possono essere sicuramente utili per chi soffre di secchezza vaginale ma possono essere anche una piacevolissima novità da introdurre all’interno della sfera sessuale di coppia. Durex lo sa bene, non per niente in questi giorni sta spingendo molto con uno spot in tv in cui invita le coppie a farne uso.

A discapito di quanto si pensa generalmente, il lubrificante intimo o un olio intimo possono essere un toccasana durante un amplesso. Non vanno solo usati in caso di disturbi fisiologici, possono infatti rivelarsi utili tanto quanto un sex toy. Qualche esempio concreto?

Possono essere usati per:

  • fare un massaggio al proprio partner anche in zone diverse da quelle intime, come gambe e schiena;
  • aumentare il piacere dei preliminari;
  • diminuire notevolmente l’attrito sulla pelle;
  • migliorare la sensazione di piacere;
  • fare provare al tuo partner sensazioni nuove grazie all’effetto del gel freddo o dell’olio caldo.

Scoprire insieme i tanti modi in cui è possibile beneficiare di un gel o un olio lubrificante, sarà esso stesso un gioco accattivante che aiuterà la coppia ad aumentare la propria sintonia e la propria complicità, non solo fisica!

Insomma, è palese che i benefici nell’usarlo sono sicuramente tanti. Ma come scegliere un lubrificante intimo? Quale lubrificante scegliere?

I diversi tipi di lubrificanti intimi

Non tutti sanno che esistono diversi tipi di gel e lubrificanti intimi. Essenzialmente ci sono 3 tipi di macro-categorie: i lubrificanti a base d’acqua, i lubrificanti a base di silicone e i lubrificanti a base d’olio.

Partiamo subito col dire che quelli a base d’olio, anche se spesso fatti con un’altissima percentuale di ingredienti naturali, sono incompatibili con i preservativi in lattice. L’olio infatti è in grado di danneggiare e perforare questo materiale vanificando di fatto lo scopo di un condom. La famigerata vasellina, così come il ben più noto olio Johnson Baby, hanno esattamente questo effetto sui preservativi. Evitate quindi di utilizzarli, a meno che siate sicuri di essere esenti da malattie sessualmente trasmissibili o che non abbiate timore di eventuali gravidanze indesiderate.
Inutile dire che ovviamente questi lubrificanti ungono tutto quello che gli capita a tiro, quindi anche vestiti e lenzuola.

A differenza di quelli ad olio, i lubrificanti siliconici e acquosi sono completamente compatibili con i preservativi.

Un lubrificante acquoso ha un’alta percentuale di acqua. Per sua natura quindi non macchia e non unge. Rispetto ad altri lubrificanti costa generalmente meno, ma ha un piccolo difetto: si asciuga più rapidamente e sarete quindi costretti a metterne più gocce durante il rapporto. Possono comunque essere usati sia per rapporti vaginali che anali. Durex ne produce uno in particolare che può comodamente essere usato anche per effettuare dei massaggi sul resto del corpo.

Un lubrificante siliconico resiste molto più a lungo: ne bastano poche gocce e non evapora via rapidamente. Costa però mediamente di più rispetto a quelli a base d’acqua e non è esente da possibili macchie sui tessuti. Usatelo quindi con parsimonia e attenzione! E’ utilissimo però nel caso di rapporti anali.

Poche gocce di un lubrificante a base siliconica basteranno ad aumentare a dismisura il piacere e a diminuire notevolmente eventuali spiacevoli dolori dovuti allo sfregamento.

Per ultimi citiamo i lubrificanti a base di glicerina che, a parer nostro, sarebbe meglio evitare del tutto. Si parla pur sempre di materiali sintetici e le possibilità che possano provocare infezioni alla base dell’utero nonché all’orifizio del lato B non possono essere escluse.

Sensibilità ad ingredienti artificiali

Se la tua pelle è sensibile ad alcune componenti come parabeni, propile o metile, controlla sempre l’etichetta prima dell’acquisto. Se vuoi andare sul sicuro puoi sempre buttarti sui gel intimi naturali come quelli prodotti da Bio Glide che fa spesso uso di componenti biologiche o di ingredienti naturali come il ginseng.

Adesso bando alle ciance, è giunta l’ora di darsi da fare usando un buon gel intimo. Sarà l’occasione giusta per eliminare i rossori e per aumentare il piacere di entrambi.

You may also like

Leave a Comment