Home Animali Come gestire il calore del cane

Come gestire il calore del cane

11 Maggio 2018
Come gestire il calore del cane

Quando si decide di prendere un cane si valutano molte cose, ma solitamente pochi prendono in considerazione il fatto che prima o poi ci si troverà ad affrontare il problema di come gestire il periodo in cui il cane va in calore.

Così si rischia di arrivare impreparati a quel momento, ma poiché il cane raggiunge la maturità sessuale, rispetto ai tempi umani, tutto sommato piuttosto in fretta, sarebbe il caso di valutare il da farsi per tempo.

La prima domanda a cui rispondere è: “che cos’è il calore? Si tratta semplicemente del momento della vita di un cane in cui sente l’esigenza di procreare cioè di mettere al mondo dei cuccioli. Per capire come gestire questo momento, si deve assolutamente fare la distinzione tra maschi e femmine perché ovviamente si tratta di due situazioni estremamente diverse.

IL CANE MASCHIO:

Esattamente come accade per tutti i mammiferi, il maschio è potenzialmente sempre pronto alla fecondazione purché si trovi in presenza di una cagnolina appunto in calore, cercherò di spiegarmi meglio, se noi facessimo crescere un cane maschio completamente isolato dalle sue simile, (per isolato intendo chilometri di distanza perché non dobbiamo dimenticare che hanno un fiuto incredibile questa creature) potrebbe anche non manifestare mai i tipici segni del calore che invece si faranno vedere in modo molto insistente in presenza ,appunto, di una cagnolina pronta alla fecondazione.

 

Innanzi tutto vediamo quali sono questi sintomi:

 

  • tendenza ad essere più nervoso e a volte anche più aggressivo del normale, il motivo è, ovviamente, perché non riesce a sfogare il suo istinto ed esattamente come noi umani quando siamo impossibilitati a fare qualunque cosa desideriamo intensamente diventiamo irritabili, la stessa cosa accade al cane

 

  • fare pipì ovunque, il motivo di questo comportamento è che per il cane la sua urina è una specie di firma se si trovasse in natura cospargerla significherebbe dire ai suoi simili “questo è il mio territorio”, quindi lui si sta preparando all’arrivo della cagnolina di cui percepisce l’odore dicendo a tutti che una volta oltrepassata la soglia di casa quella sarà di sua proprietà

 

  • Naturalmente è semplice istinto lui non può capire che se noi non facciamo entrare la “signorina” in questione lui non la vedrà mai e nemmeno può intuire che se mai dovesse arrivare non ci sarebbe nessun rivale a cui far capire che quello è il suo territorio, il cane si sta semplicemente preparando “all’appuntamento”

 

  • Continui tentativi di fuga, in questo caso il motivo è facilmente comprensibile, cerca di raggiungere la sua “preda”

 

  • Costanti tentativi di “montare” qualunque oggetto, gamba, braccio che gli capiti a tiro, anche in questo caso non credo ci sia bisogno di molte spiegazioni, sta semplicemente cercando di “sfogarsi” in qualche modo, ma  bisogna dire che questo comportamento possiamo ritrovarlo anche in cani non in calore o da parte delle femmine perché a volte lo fanno semplicemente per far prendere il proprio odore a determinati oggetti (per tutti i cani è importante rendere riconoscibili i proprio oggetti sempre  per un istinto di difesa da potenziali intrusi).

 

Calore del cane

Una volta individuati quali sono i sintomi cerchiamo di capire come gestirli:

 

  • Castrarlo, la cosa più semplice da fare è prendere in considerazione questo intervento risolvendo in un sol colpo tutti i problemi e evitando anche diverse patologie che possono insorgere in cani non castrati, se però il nostro cane è destinato invece alla riproduzione o per altri motivi non vogliamo farlo troviamo altre soluzioni.

 

  • Cerchiamo di tenerlo distante da parchi molto frequentati da cani femmina, bene o male se andiamo a fare la passeggiata sempre negli stessi posti sappiamo se ci sono o meno, quindi la prima volta che notiamo un comportamento riconducibile al calore in quel determinato posto cerchiamo di evitarlo per un mesetto finché appunto non sarà passato il periodo fertile della femmina

 

  • Facciamolo giocare molto questo lo distrarrà dal pensiero della riproduzione

 

  • Mettiamo dei prodotti “disabituanti” sui mobili in cui solitamente va a fare pipì

 

  • Controlliamolo a vista se abbiamo un giardino, non avete idea delle acrobazie che può fare un cane quando punta un obbiettivo e in questo caso sarebbe scappare per raggiungere la cagnolina in calore

 

  • Non lasciamolo mai senza guinzaglio in nessun posto che non sia super recintato

 

  • Muniamoci di profumatori a rilascio continuo, questo impedirà di percepire l’odore delle cagnoline più distanti, se ne abbiamo una nella casa vicina non cambierà nulla non riuscirete a “fregarlo” ma vi salverete dal calore delle altre.

Calore del cane

IL CANE FEMMINA

 

Nel caso della femmina il calore avviene in momenti ben precisi dell’anno, il primo avviene intorno ai 5/6 mesi nel caso di cani piccoli e intorno ai 12/18 per le taglie più grandi, ne hanno circa due all’anno della durata di un mese, questi sono dati molto indicativi perché ogni soggetto è diverso.

 

I sintomi sono:

 

  • Irritabilità/aggressività, questo dipende dal ciclo degli ormoni

 

  • Ingrossamento delle parti intime, in modo molto evidente

 

  • Perdite di sangue più o meno evidenti, il classico ciclo mestruale

 

Vediamo come gestirli:

 

  • Sterilizzarla, risolverebbe tutto ed eviterebbe tumori mammari

 

  • Lasciamo tranquilla la cagnolina nei giorni pre-ciclo e il nervosismo si risolverà senza problemi

 

  • Muniamoci di mutandine create appositamente, evitando così di avere macchie per tutta casa, in realtà in moltissimi casi non serviranno nemmeno perché molto spesso tendono a tenersi pulite in questo caso ci accorgeremo del calore oltre appunto che dall’ ingrossamento delle parti intime dal fatto che si leccheranno molto spesso.

 

  • Quindi i problemi di gestione in questo caso riguardano solamente il fatto di evitare una gravidanza indesiderata per farlo sarà sufficiente non lasciare mai sola la cagnolina in posti accessibili da cani maschi, quindi se avete un giardino non fatela mai uscire da sola ovviamente se andrete in passeggiata non lasciatela mai senza guinzaglio e cercate di evitare parchi molto frequentati da altri cani maschi, questo per tutta la durata del calore che come detto sopra si aggira intorno al mesetto ma siccome potrebbe avere tempi diversi cerchiamo di tenere d’occhio i sintomi sopra descritti e una volta completamente spariti attendiamo ancora qualche giorno prima di abbassare la guardia.

 

You may also like

Leave a Comment