Home Cura del corpo e Moda Come farsi la ceretta in casa

Come farsi la ceretta in casa

29 Maggio 2018
Come farsi la ceretta in casa

Depilazione. C’è si affida alle mani dell’estetista, e c’è invece chi pensa che “chi fa da sé, fa per tre”. Molte donne decidono di combattere da sole l’eterna battaglia contro i peli superflui, ricorrendo a metodi fai da te, per una questione economica o semplicemente perché preferiscono così.

Rasoio e crema depilatoria sono sistemi semplici, comodi e indolore, ma non altrettanto efficaci e duraturi quanto la ceretta. Certo, è richiesta un minimo di manualità e decisione nel momento dello strappo: se siete timorose e incerte nel rimuovere le strisce, i peli resteranno lì dove sono.

Anche la ceretta fai da te prevede diverse varianti, che potrete scegliere a seconda delle vostre necessità e delle vostre preferenze. Vediamo quali.

 

Strisce depilatorie

Le strisce epilatorie sono perfette per chi ha la pelle sensibile, trattandosi di una ceretta a freddo che quindi non provoca possibili irritazioni con il calore. Per lo stesso motivo, sono ideali per la depilazione delle zone più delicate del corpo, come ad esempio l’inguine, le ascelle e i baffetti.

Prima di utilizzarle, vanno scaldate semplicemente sfregandole con le mani, fatte aderire bene alla pelle e poi strappate con decisione in direzione opposta rispetto alla crescita del pelo.

Utilizzate dell’olio vegetale, anche di oliva, o una crema per calmare il rossore dopo la depilazione.

Le migliori strisce epilatorie in commercio sono quelle in tessuto di garza. Alcune contengono sostanze con effetto emolliente quali la vitamine E, l’aloe e la calendula, e il biossido di titanio che cattura il pelo senza attaccarsi troppo alla pelle.

 

Ceretta a caldo

La depilazione con la cera a caldo è il metodo fai da te più efficace ma anche più impegnativo, sia in termini di tempo che di dimestichezza richiesta. Bisogna essere molto pratiche, avere una buona manualità e pazienza.

Esistono in commercio dei kit completi per la ceretta: dopo aver scaldato e sciolto la cera ed averla fatta raffreddare un po’, con l’apposita spatolina la dovrete spalmare sulla zona interessata, stendendola nella direzione opposta alla rispetto a quella del pelo; fate aderire alla cera stesa una striscia depilatoria e poi strappate con decisione, sempre nel verso opposto rispetto alla crescita del pelo.

Se volete rendere la vostra ceretta ancora più casalinga, potete preparare voi la vostra cera, seguendo questa ricetta.

Gli ingredienti sono:

  • 250 g di zucchero semolato
  • 125 ml di succo di limone
  • 250 g di miele

In una padellina antiaderente, scaldate lo zucchero finché non si sarà fuso e caramellato. Aggiungete poi il succo di limone ed il miele e mescolate il tutto finché non avrà raggiunto la consistenza di una pastella. Aggiungete dell’acqua se il composto risulta troppo denso. Fate raffreddare un po’ la cera prima di usarla, e ricordate sempre di applicarla nel verso opposto rispetto alla direzione del pelo.

Anche le strisce possono essere fatte in casa se non possedete quelle apposite: potete ricavarle da un panno o da una maglietta di cotone o di lino.

La cera fatta in casa, oltre ad avere costo davvero esiguo, è anche un prodotto completamente naturale e molto delicato sulla pelle. Ecco perché è utilizzabili anche nelle parti più sensibili, come le ascelle, l’inguine e i baffetti.

 

Qualche consiglio prima dello strappo…

Ricordate che è molto importante che i peli abbiano la lunghezza giusta, tra i 3 ed i 6 mm: né troppo corti per non essere catturati, né troppo lunghi perché lo strappo sia particolarmente doloroso.

La cera non va mai scaldata al microonde, poiché il calore non si distribuirebbe in modo uniforme. Usate il metodo a bagnomaria.

Prima di applicare la cera, ricordate che la pelle deve essere pulita ed asciutta. Potete innanzitutto fare uno scrub esfoliante, in modo da eliminare le cellule morte ed evidenziare il pelo, rendendone più semplice la “cattura”; usate poi del borotalco, che è ottimo per assorbire l’umidità della pelle.

Infine, è sempre bene testare il prodotto prima di effettuare la depilazione: potete applicare la cera su una piccola zona e fare uno strappo, lasciate passare 24 ore e verificate la reazione della pelle.

 

…e dopo lo strappo

Usate una crema lenitiva o emolliente dopo lo strappo, soprattutto nelle parti del corpo visibili, in modo da placare i rossori.

Se sulla pelle dovessero rimanere dei residui di cera, è sufficiente dell’acqua calda per rimuoverli.

Potete conservare la cera avanzata nel frigo, chiusa in un barattolo, per circa due settimane.

E’ sempre meglio evitare di prendere il sole dopo solo qualche ora dalla depilazione ed attendere almeno un giorno: ricordate che la pelle dopo gli strappi avrà perso una parte della sua pellicola protettiva, e quindi un’esposizione diretta e prolungata al sole potrebbe provocare irritazioni e macchie.

E’ importante inoltre far passare almeno 3 settimane o un mese tra una ceretta e l’altra, affinché la ricrescita del pelo sia ottimale e per non stressare troppo la pelle.

You may also like

Leave a Comment