Home Risposte Semplici Come arredare il balcone

Come arredare il balcone

20 Aprile 2018
Come arredare il balcone

Il balcone o il terrazzo sono il valore aggiunto della nostra casa.

Non appena la primavera fa l’occhiolino ci viene voglia di sole, di vestiti leggeri e di aria fresca.

Arredare il balcone

Allora non c’è modo migliore per ottimizzare uno spazio più o meno ampio della nostra abitazione, rendendolo confortevole ed adatto a qualche momento tutto per noi.

Nei periodi caldi, al mattino presto, godersi una sana colazione e un buon caffè ammirando il paesaggio circostante, che sia città, campagna, mare o lago…non può che darci la carica giusta per incominciare la giornata!

Arredare il balcone

Che meraviglia rilassarsi durante un pomeriggio primaverile, magari nel nostro giorno libero, con una buona lettura, sapendo di essere a casa, pur avendo l’impressione di essere fuori!

 

Oppure perché no, tenendo sempre conto dell’area di cui disponiamo, può essere divertente organizzare un aperitivo con gli amici, o addirittura una piacevole cena a due.

Forse non lo sappiamo ancora, ma davvero il nostro terrazzino può essere a tutti gli effetti l’ambiente giusto vissuto al momento giusto!

E’ sufficiente aver voglia di apportare qualche modifica, naturalmente commisurata alle nostre tasche, ed il gioco è fatto.

Possiamo scegliere di acquistare elementi vari ed arredi completamente nuovi per dar vita alla nostra area esterna nascente, oppure riciclare con parsimonia ed uno spiccato spirito fai da te ciò che già possediamo.

I gusti personali e la fantasia circa la scelta di materiali, tessuti ed oggettistica saranno ciò che determinerà la personalità del vostro angolo prezioso.

Partiamo propriamente dalle basi, e se per esempio riteniamo non siano adatte a creare l’ambiente che vogliamo le piastrelle della pavimentazione già esistente…niente paura!

 

  • A bassissimi costi possiamo acquistare mattonelle flottanti in legno e di varie colorazioni (in voga in moltissimi locali e giardini situati all’aperto), preferibilmente che siano trattate, così da risultare impermeabili e meno usurabili a causa degli agenti atmosferici; semplicemente le appoggeremo alla superficie senza intervenire con arnesi di difficile utilizzo o agenti incollanti di alcun tipo.

 

Se invece non vogliamo optare per una nuova pavimentazione, possiamo ingegnarci nell’impiego di pallet, che accostati l’uno all’altro, e magari modificati o tagliati se necessario a misura, non fungeranno più da semplici bancali come all’origine, ma diventeranno un curioso palchetto rialzato, proprio lì, sul vostro balcone!

 

  • Anche l’erba sintetica può risultare un’idea per ovviare a piastrelle datate.

Arredare il balcone

Laddove abbiate un’area coperta invece, sarebbe perfetto persino l’accostamento di un mix di tappeti che magari già avete in casa, chiusi in qualche armadio e inutilizzati perché non si abbinano più col vostro rinnovato arredamento…beh ora potrebbero contribuire a donare colore al nostro nuovo ambiente a costo zero!

 

  • Un tavolo con delle sedie, piccolo o grande che sia, è d’obbligo.

Arredare il balcone

Anche a questo proposito, magari possedete già qualcosa che potrebbe fare al caso vostro… controllate bene nei garage e nelle cantine!

E se non doveste trovare esattamente il modello che si abbina, potrete sempre scegliere di ridipingerlo!

In commercio ormai esistono un’infinità di tipologie di pittura per elementi esterni, che vi sorprenderanno nella facilità e velocità d’utilizzo: moltissimi prodotti infatti contengono già componenti anti-ruggine o aggrappanti, così da risparmiarvi tempo e lavoro.

 

  • Confortevoli cuscini da seduta o disposti qui e là, e tovaglie ed abbellimenti in tessuto, contribuiranno a rendere il vostro spazio una vera chicca…dunque sbizzarritevi sfoggiando i colori che più amate e lo stile che prediligete.

Arredare il balcone

  • A questo proposito, anche candele e lampade sono sempre apprezzate…e chi più ne ha più ne metta!

Se dovesse esservi necessario, magari per l’esposizione al sole del vostro appartamento, anche un grazioso ombrellone non guasterà.

Arredare il balcone

Allora anche in questo caso, a voi la scelta…a seconda dell’impronta che avete deciso di dare, potrete gestirvi con un ombrellone in tessuto, più o meno grande; se preferite una forma un po’ più seria o moderna potrete sceglierne uno quadrato, magari sulle tonalità del grigio o del beige, e invece se optate per un effetto più spiritoso e leggero, nulla vi vieta di utilizzare il classico ombrellone da spiaggia colorato e allegro…e magari, perché no, sfrangiato!

 

Per chi diversamente avesse cavalcato le mode del momento servendosi di materiali naturali, di riciclo, e in legno o simil legno, potrebbe essere perfetto un ombrellone in paglia o in bamboo.

 

Se dopo tutto sentite ancora l’esigenza di dover dare un tocco in più al vostro terrazzo e di dover rifinire maggiormente alcune zone, potrete certamente occuparvi delle pareti.

Magari fanno al caso vostro i grigliati con le fioriere alla base se avete come dote la pazienza ed anche il pollice verde, così da poter iniziare a far crescere la tipologia di piante o fiori rampicanti che più preferite.

 

  • Un’idea graziosa e un tantino romantica potrebbe risultare l’utilizzo di tendaggi appesi qui e là, drappeggiati e raccolti, per definire una zona che più ci interessa, o addirittura per nasconderne un’altra che non vogliamo mettere in risalto.

Arredare il balcone

Oppure ancora otterrete un bellissimo effetto creando degli inserti o delle intere pareti inchiodandovi delle tavole di legno di un limitato spessore, comprate o riciclate che siano, della stessa colorazione tra di loro, o persino tutte differenti.

Se quando avete ristrutturato casa vi è avanzato qualche pacco di pavimentazione laminata, potrete addirittura usufruire di quello, l’effetto è assicurato!

Ed infine, sappiamo tutti che gli amanti di terrazzi e giardini sono in realtà gli amanti della natura stessa…dunque mancano proprio loro, i veri protagonisti: piante e fiori.

Arredare il balcone

Chi sa di essere abile nel curarle che si scateni con le più ricercate varietà!

Ma c’è di gran lunga spazio anche per tutti coloro che temono di non avere il pollice verde: le piante grasse faranno al caso vostro, e molto spesso regalano fiori seppur effimeri, ma di una bellezza rara ed inaspettata!

E allora non dimenticate: vasi piccoli, medi e persino grandissimi…ovunque li appoggerete o appenderete, che siano fatti di terracotta, di alluminio o di vetro colorato, saranno graditi sia ai vostri occhi, sia a quelli dei vostri ospiti!

You may also like

Leave a Comment